Ruben Bianchi



Il felice epilogo di questa terribile vicenda è stato raggiunto grazie alla magistratura italiana (Procura della Repubblica di Pistoia), all'INTERPOL Roma (uomini del Dott. Guglielmino e Gen. Falcone, in particolare Adamo e Gennaro), alla magistratura svizzera (Magistrato Gisela Jaun) ed alla Polizia Criminale di Lucerna.

Con loro negli ultimi mesi hanno collaborato in modo estremamente utile anche il gruppo investigativo Finanzon/Ceruti/Moretti di Milano-Torino. Un eccezionale sostegno è stato fornito anche dal Ministero degli Affari Esteri di Roma, che con modalità quasi familiari si è preso cura del caso di Ruben. Egualmente determinante è stato l'aiuto e il lavoro dell'Avvocato Manuela Tirini del Foro di Bologna.

Naturalmente non possono essere dimenticate neppure le Associazioni di tutela dei bambini e della bigenitorialità, in particolare "Troviamo i bambini" e "Figli negati" che in questi lunghi anni mi hanno sempre aiutato e confortato, nonostante la mancanza di qualunque notizia di mio figlio.

A tutti loro va il mio più grande GRAZIE, anche a nome del mio cucciolo Ruben a cui finalmente è stata restituita una vita libera e con due genitori.

Stefano Bianchi